L’acquamarina è una pietra molto conosciuta in gioielleria: da essa è infatti possibile ricavare anelli, collane, bracciali e altri gioielli preziosi. Ma qual è il significato di questa pietra? Come si presenta? Quali sono le sue proprietà?

Significato e caratteristiche dell’acquamarina

L’acquamarina è un cristallo azzurro, una variante del berillo che origina pietre di dimensioni molto diverse tra loro (le più grandi possono arrivare fino a un metro). Formata da rocce vulcaniche, si trova dentro pegmatiti di granito in gruppi di cristalli intrecciati. 

Il suo meraviglioso colore dipende dalla presenza di titanio e ferro: per la diversa composizione, le tonalità di acquamarina spaziano dall’azzurro al blu, dal verdastro al turchese.

Le diverse varietà di acquamarina

In commercio è possibile trovare diverse varietà di acquamarina chiamate in modo differente a seconda del loro luogo estrattivo. Ecco perché buona parte di queste hanno nomi che evocano località brasiliane: il Brasile è uno dei principali Paesi di esportazione al mondo di questa gemma, e da qui provengono le varietà Santa Maria, Sao Domingos, Boca Rica.

Tra gli altri Paesi produttori troviamo alcune nazioni africane come Nigeria, Mozambico, Madagascar (da cui arriva la varietà Maxixe) e Zambia.

Quanto costano i gioielli di acquamarina

Il prezzo dell’acquamarina dipende da numerosi fattori come le dimensioni della pietra, il colore, il taglio. A parità di altre condizioni, il colore azzurro intenso è considerato quello di maggiore prestigio. A valere di più sono inoltre le pietre più grandi (soprattutto oltre i 5 carati) e quelle con tagli ovali o rettangolari, sicuramente più diffusi e fruibili nei gioielli classici e moderni.

Proprietà dell’acquamarina

L’acquamarina simboleggia la serenità e la felicità nell’amore. Non è certamente una coincidenza che i gioielli con l’acquamarina siano spesso regalati alla persona amata, anche incastonata all’interno dell’anello di fidanzamento. Nella lista delle gemme abbinate agli anniversari di matrimonio, l’acquamarina è la protagonista del 19° anno secondo le proposte dell’International Colored Gemstone Association (ICGA).

Dal punto divista energetico, l’acquamarina è infusa di quella femminile (yin) ed è governata dalla luna. Per il simbolismo, le sue proprietà benefiche sono dunque equiparabili a quelle della pietra di lunga: è frequentemente impiegata per consentire alle persone più insicure di esprimere liberamente le proprie emozioni.

Tra le altre proprietà per corpo e mente che vengono spesso attribuite all’acquamarina ricordiamo anche la sua capacità di limitare l’aggressività e i contrasti interiori, superare i traumi emotivi, donare la pace interiore e ridurre stress e tensioni. Viene inoltre considerata utile per conciliare il sonno e migliorare le abilità psichiche. 

Acquamarina e segno zodiacale

L’acquamarina è la pietra del mese di marzo ed è dunque la pietra maggiormente indicata per le persone che appartengono al segno dei Pesci. È inoltre indicata per gli appartenenti al segno dell’Acquario: sebbene sia un segno d’aria, il minerale è in grado di donare all’Acquario gentilezza, calma e positività.